Pan dell’Orso

Il Pan dell'Orso è un dolce tipico abruzzese, simile al parrozzo, da cui si differenzia per via dell'aggiunta del miele e del burro che rendono più morbido l'impasto.

La forma di questo dolce è tondeggiante, a zuccotto, simile ai piccoli pani che i pastori portavano con sé durante la transumanza.

Il nome sembra derivi da un fatto accaduto molti anni fa, quando i pastori che partivano per la transumanza portavano con sé questi panini dolci.

Un giorno, durante il cammino verso Sud, un gruppo di pastori incrociò un orso che rovistando nelle bisacce mangiò tutti i panini che trovò, ma lasciò stare le pecore.

In seguito a questo fatto il poeta scannese Marco Notarmuzi donò questo nome al dolce.

Ingredienti Pan dell'Orso

  • 6 uova
  • 200 g di farina di mandorle o 200 g di mandorle tritate finemente
  • 75 g di farina
  • 75 g di fecola di patate
  • 25 g di miele d'acacia
  • 180 g di zucchero
  • 80 g di burro per l'impasto + 20 g per la glassatura
  • un pizzico di sale
  • aromi: mandorla amara, arancio, limone
  • 200 g di cioccolato fondente

Preparazione Pan dell'Orso

Per iniziare bisogna montare i tuorli d'uovo con lo zucchero per poi aggiungere la farina di mandorle e, con un setaccio, la farina 00 e la fecola di patate.

A questo punto fondete il burro a bagnomaria ed amalgamatelo nel composto; aggiungete gli aromi ed il lievito setacciato.

Continuate montando gli albumi con un pizzico di sale e quando saranno ben spumosi aggiungeteli all'impasto precedente.

Amalgamate delicatamente e versate il composto in una teglia a forma di cupola precedentemente imburrata.

Cuocete in forno a 180° per 45 min. circa. Estraete il pane dal forno e fatelo raffreddare per dieci minuti nello stampo, poi capovolgetelo delicatamente e fatelo raffreddare all'aria.

Conservatelo in frigorifero per un giorno.

Il giorno dopo sciogliete il cioccolato fondente con 20 g di burro a bagnomaria e usate questa glassa per ricoprire completamente il panino.

Lasciatelo solidificare.. et voilà!

pan dell'orso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *