Himantoglossum Hircinum (Barbone di becco)

Nome italiano Barbone di becco

Sinonimi Himantoglossum Hircinum: Satyrium hircinum L. -  Orchis hircina (L.) Crantz - Loroglossum hircinum (L.) Rich. - Aceras hircinum (L.) Lindl.

Tassonomia
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Orchidales
Famiglia: Orchidaceae

Descrizione Barbone di Becco

Il nome del genere viene dai termini greci himantos = cinghia, e glossa = lingua e, tradotto letteralmente, significa" lingua a forma di cinghia", in riferimento alla forma allungata del labello. Il nome specifico dal latino hircus= caprone, in riferimento al caratteristico odore dei fiori. La pianta è alta dai 20 ai 90 cm, ha un fusto robusto, più o meno tinto di colore rosso brunastro. Le foglie grandi sono ellittico-lanceolate, le superiori più corte e acute, guainanti il fusto. Le brattee sono lanceolate, le inferiori più lunghe dei fiori, le superiori più o meno uguali ai fiori. L'infiorescenza è densa, composta da numerosi (fino a 80) fiori emananti uno sgradevole odore caprino. Petali e sepali sono strettamente conniventi a formare un casco bianco-verdastro, bordato di porpora all'esterno e rigato verticalmente di porpora all'interno. Il labello è trilobo, con lobo mediano nastriforme e brevemente bifido, ripetutamente ritorto, di colore verde brunastro, con macchie di peluria rosso porpora al centro. I fiori, anche se scarsamente nettariferi, sono molto odorosi ed attirano un buon numero di impollinatori di varie famiglie: imenotteri, ditteri, coleotteri, ecc. La varietà Himantoglossum adriaticum, H. Baumann, si distingue per l'aspetto meno robusto, l'infiorescenza più lassa, per i fiori quasi inodori, per il lobo mediano più brevemente bifido e per il colore di quest'ultimo che può essere, se pure non costantemente, più tendente al bianco.

 

Barbone di becco

Dove trovare il Barbone di Becco

Il tipo corologico è mediterraneo atlantico ed il periodo di fioritura è tra Maggio e Luglio. Si trova in Toscana, Italia meridionale, Sicilia, Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna. Come habitat predilige prati magri, boscaglie e scarpate, su terreno calcareo.

Barbone di becco
Barbone di becco

  1. Mckinley
    | Rispondi

    Simply wish to say your article is as surprising. The clarity in your post is simply excellent and i could
    assume you are an expert on this subject. Well with your permission allow me to grab your
    RSS feed to keep up to date with forthcoming post. Thanks a million and please carry on the rewarding work.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *